BLOG

Sanzioni sull’e-fattura a partire da settembre 2019


news del 22/11/2018

 

La moratoria potrebbe non riguardare tutto l’anno. Intanto il Governo prova a fornire rassicurazioni sulla sicurezza e la protezione dei dati

Nonostante le diffuse richieste di allargare la moratoria a tutto il 2019, il Governo sembra intenzionato ad eliminare le sanzioni connesse all’obbligo di fatturazione elettronica al massimo fino a settembre 2019. La conferma arriva dal Sottosegretario all’Economia, Massimo Bitonci, intervenuto ieri in Commissione Finanze del Senato, nel corso della discussione sugli emendamenti al decreto fiscale.

“Stiamo lavorando per vedere di arrivare fino a settembre per il sistema sanzionatorio”, ha spiegato Bitonci, ricordando come aveva già fatto il Ministro Tria che “non ci saranno proroghe” ma si proverà a “contemperare le esigenze di chi deve emettere la fattura e può essere in difficoltà”. L’idea del Governo è quella di introdurre l’adempimento “senza impatto distorsivo per cittadini e imprese”, molte delle quali, ha sottolineato l’esponente dell’Esecutivo, saranno comunque escluse dal nuovo obbligo: “Per almeno due milioni di partite IVA – ha concluso – non ci sarà l’obbligo di emettere la fattura elettronica”.

Sempre nella giornata di ieri, il Governo ha provato a rassicurare imprese e professionisti sulla sicurezza e la protezione dei dati contenuti nel documento digitale, messe in discussione dal recente parere del Garante della privacy.

Rispondendo a un’interrogazione sul tema nel corso del Question time in Commissione Finanze della Camera, al Sottosegretario al MEF, Alessio Villarosa, ha dato conto dell’avvio di un tavolo congiunto tra Agenzia delle Entrate e Garante, ricordando che “tutte le modalità disponibili per la ricezione e per il successivo inoltro delle fatture elettroniche e delle relative ricevute rispettano i più aggiornati protocolli di sicurezza, in termini di autenticazione del trasmittente, riservatezza e disponibilità”.

Tutti i dati, ha rimarcato Villarosa, “sono crittografati, e la consultazione sicura degli archivi informatici dell’Agenzia è garantita da misure che prevedono un sistema di profilazione, identificazione, autenticazione dei soggetti abilitati alla consultazione, di tracciatura degli accessi, con indicazione dei tempi e della tipologia delle operazioni svolte, nonché di conservazione di copie di sicurezza”.

Le stesse rassicurazioni sono arrivate anche da Assosoftware. In un comunicato stampa diffuso ieri, il Presidente Bonfiglio Mariotti ha spiegato che l’associazione ha “proposto alle aziende associate specifiche linee guida, condivise con gli uffici del Garante, in materia di privacy e GDPR”. Per questo, “le software house sono già compliant alle regole privacy indicate dall’Authority”.

 

Rassicurazioni anche da Assosoftware

Mariotti, inoltre, ha sottolineato che “il warning del Garante non riguarda la fattura elettronica B2B, cioè quella che avviene tra soggetti giuridici, fra le imprese, fra i soggetti IVA, ma esclusivamente l’ambito B2C (Business to consumer, ndr) e il trattamento dei dati delle persone fisiche”.

Le problematiche sollevate dal Garante “erano ben note” ad Assosoftware che, “da luglio 2017 ha istituito un presidio in tema di gestione dei dati personali, in ottemperanza alla normativa GDPR, costituendo un gruppo di lavoro che si occupa di data protection, con il compito di definire linee guida e best practice a favore delle aziende associate e dell’intero mercato”.

Grazie all’attività del gruppo di lavoro, le software house “hanno da tempo adeguato anche i processi di gestione della fatturazione elettronica e della conservazione sostitutiva secondo la nuova normativa Privacy, individuando specifici responsabili e attivando le misure tecnico organizzative necessarie”.

La sicurezza e la protezione dei dati, conclude il comunicato, è stata implementata anche con riferimento alle soluzioni cloud, “che sono state progettate e implementate by design secondo i più severi standard internazionali”.

 

Ricordiamo che lo Studio Poli & Associati, al fine di aiutare i prorpi clienti ad orientarsi nella complessa area del'obbligo di fatturazione elettronica, in vigore dal 1° gennaio 2019, ha organizzato un ciclo di incontri presso lo studio, nel corso dei quali viene illustrato in modo pratico cosa accadrà e cosa dovranno fare aziende e professionisti per adeguarsi alle nuove procedure obbligatorie.

Potrete consultare le date disponibili e prenotarvi al seguente link: 

PRENOTAZIONE CICLO DI INCONTRI

 

 


leggi altre news

Vuoi scambiare documenti con lo studio?


Scarica Dropbox e richiedi a info@studiopoli.net una cartella condivisa

Studio Poli & Associati
Commercialisti - Revisori Contabili 

Indirizzo: Via IX febbraio 7 - 50129
Località: Firenze - Italia
Tel: 055 476974
Fax: 055 476975
info@studiopoli.net

ORARI UFFICIO
dal Lunedì al Giovedì: 9:00 - 13:00 / 15:00 - 19:00
Venerdì: 9:00 - 13:00